| Foto di: Ss Juve Stabia Spa |
| Foto di: Ss Juve Stabia Spa |

(Di Cronache della Campania) – La Juve Stabia esce sconfitta dal “Mapei Stadium” contro la Reggiana e si prepara ora alla sfida di mercoledì contro gli emiliani al “Romeo Menti”. A Reggio, in tribuna, c’era anche il presidente Franco Manniello che ha parlato ai colleghi della partita di Sabato e della gara di mercoledì.

«Personalmente sono soddisfatto della prova dei ragazzi – dice Franco Manniello all’indomani del match di andata – Ho visto una squadra unita, coesa costretta a pagare oltre il dovuto due soli errori commessi. Il primo gol è stato un episodio, tra l’altro Russo aveva anche intercettato il rigore. Poi sul raddoppio, Liviero ha sbagliato andando di sinistro sul pallone e Ghiringhelli si è ritrovato la porta spalancata. Può succedere, ma sono convinto che mercoledì sarà ben altra gara. Ho parlato con la squadra anche ieri, i ragazzi sono arrabbiati al punto giusto, ed hanno fame di rivalsa».
« Dobbiamo vincere per passare il turno, un piccolo vantaggio lo ha conquistato anche la Reggiana, ma credo fermamente in un gruppo che ormai si è cementato, e nel fatto che i nostri tifosi non ci faranno mancare quel calore che, in tante occasioni, è stato un’arma in più per la squadra».

Proprio sui tifosi. «Quelli che hanno seguito la squadra, sobbarcandosi la trasferta di Reggio sono encomiabili per l’affetto che hanno saputo mostrare ancora una volta. Sappiamo che su di loro possiamo sempre contare. Per mercoledì sera, in un orario anche comodo, vorrei rivedere il Menti che conosco io. L’appello va ai tifosi, che sicuramente ci saranno, ma soprattutto alla città. Dobbiamo ricreare quell’unità d’intenti che può condurci fino al traguardo finale». «Dobbiamo vincere, lo sappiamo. Ma se si vuole arrivare in fondo non può essere altrimenti. Ci credo».
Sul mister. «E’ uno concreto afferma – in due mesi ha fatto un lavoro egregio, lavorando soprattutto sotto l’aspetto mentale. La squadra è coesa, sono convinto che saprà gestire al meglio anche il momento (infortunio di Kanouté e squalifica di Cancellotti per la gara di mercoledì). Possiamo andare avanti, alla squadra serve il calore di tutti. Non è ancora finita».

Articolo letto 852 volte

La tua opinione conta! Commenta questo articolo