Foto LaPresse 16-01-2014 Roma Cronaca Giornata nazionale di mobilitazione Usb contro il jobs act. Manifestazioni davanti alle sedi del Partito Democratico in tutte le maggiori città Italiane. Sede PD, Largo del Nazareno
Foto LaPresse

Si infittisce il mistero sul tesseramento nel PD stabiese. Il dato ufficiale relativo alla sola giornata di venerdì 24 febbraio fa riferimento a circa 600 iscrizioni effettuate presso il Palazzetto del Mare, ma curiosamente alcuni singoli individui che si sono recati in loco per sottoscrivere la tessera hanno fatto notare una curiosa anomalia.

Pare, infatti, che dopo appena mezz’ora dall’avvio dei tesseramenti, in programma tra le ore 16 e le ore 20, il numero progressivo fosse decisamente elevato in relazione alla presenza esigua di persone all’interno del Palazzetto del Mare, una vicenda che, se confermata, desterebbe ulteriori sospetti in merito alle modalità con cui si sarebbe svolta l’intera procedura di adesioni al Partito Democratico stabiese.

Permane pertanto il dubbio che i capisaldi del partito avessero già predisposto i propri pacchetti preconfezionati di tessere e che abbiano provveduto in anticipo a far compilare le documentazioni, espletando poi le pratiche in blocco all’interno del Palazzetto. A far riflettere è anche una curiosa scaglionatura che emerge dal riscontro delle tessere tra i vari esponenti di spicco del PD, un sistema “gerarchico” che Eduardo Melisse avrebbe sovvertito, facendo iscrivere al partito diverse unità in più rispetto a quelle programmate.

La modalità adottata da Melisse, tuttavia, non è conforme al regolamento, che impedisce l’iscrizione congiunta di diverse persone mediante un unico conto corrente o carta prepagata. Il presidente del consiglio comunale ha provveduto di persona a pagare con la sua carta PayPal poco meno di 130 iscrizioni al PD.

«Ma soltanto dopo aver ricevuto la delega e il denaro da tutti – ci tiene a sottolineare Melisse -. I miei sono uomini e donne veri, dotati di nome e cognome, braccia e gambe. Su questo potete giurarci, perché il mio pagamento è tracciato e le carte sono a disposizione di tutti. Potrei affermare a scanso di equivoci che la mia posizione è chiarissima, dato che di recente sono diventato più famoso di Trump – scherza l’architetto -, mentre per tutti gli altri non ci sono certezze dato che nessuno si è interessato allo stesso modo».

Melisse ribadisce poi le ragioni che lo hanno indotto ad adottare la suddetta modalità. «Le date del tesseramento sono state annunciate con soli due giorni d’anticipo – spiega -. Il PD non ha una sede ed io avevo chiesto di creare un altro presidio vicino al mio elettorato per favorire gli spostamenti di tante persone per le quali il Palazzetto del Mare era troppo dislocato. Nessun manifesto, inoltre, è stato esposto per preannunciare le iscrizioni. Credo che un partito debba essere espressione di una democrazia e, da parte mia, ho anche contribuito ad avvicinare persone nuove al PD».

Nei prossimi giorni sarà chiarito se le iscrizioni effettuate da Melisse dovranno essere annullate o meno. A rischio è anche il tesseramento dello stesso presidente del consiglio comunale, ma la commissione potrebbe anche optare per un supplemento d’inchiesta convocando a testimoniare tutti gli iscritti associati all’ormai celebre carta PayPal. Nel frattempo, durante il talk show Tagadà andato in onda ieri su La7, è stato trasmesso un breve reportage contenente un’intervista a Melisse, servizio che l’architetto non ha gradito, manifestando a chiare lettere il suo disappunto.

«L’inviato di La7 si è intrattenuto con me per un’ora e mezza, affrontando varie tematiche e discutendo soltanto marginalmente del tesseramento – sottolinea Melisse -, ma il servizio è stato montato ad arte con un “taglia e cuci” che va a ledere la mia persona ed anche l’immagine della città. Sono stato persino associato ad una presunta compravendita di voti, elemento che non mi riguarda affatto e sfido chiunque a dimostrare il contrario».

Fonte: https://www.stabiachannel.it/PoliticaLavoro/castellammare-nuove-ombre-sul-pd-600-tessere-in-un-palazzetto-vuoto-melisse-ho-avvicinato-persone-nuove-al-partito-63315.html

Articolo letto 173 volte

La tua opinione conta! Commenta questo articolo